Tag Archives: ANSA

  • -

Demenza senile: più a rischio le donne degli uomini

Tags : 

La maggior parte delle donne ultra-novantennii è ad altissimo il rischio demenza-senile. È quanto emerge da uno studio californiano, diretto dalla dottoressa Maria Corrada e pubblicato di recente sulla rivista Neurology. L’analisi compiuta su più di 900 persone che hanno superato i novant’anni d’età evidenzia il fatto che il rischio demenza sia maggiore nelle donne rispetto agli uomini della stessa età.
Le ragioni non sono del tutto chiare, sebbene le donne più anziane siano molto esposte a patologie come l’ictus e le malattie cardiache, due fattori di rischio per la demenza. Ci sono ancora pochi studi specificamente dedicati alla demenza nelle persone molto anziane, nonostante la crescita delle aspettative di vita, che rende questo gruppo di persone ogni anno più numeroso. Altre ricerche hanno dimostrato che l’incremento più alto della demenza si ha tra i 65 e gli 85 anni per entrambi i sessi. Da quest’ultimo studio californiano, è emerso che la possibilità di essere colpiti da demenza si raddoppia ogni cinque anni nelle donne che hanno superato i novanta anni, ma non negli uomini. Quasi la metà delle donne che ha superato la soglia dei 90 ha problemi di demenza contro poco meno di un terzo degli uomini.
Un altro elemento che emerge dalla ricerca è che le donne con un’educazione più elevata hanno minore rischio di sviluppare la malattia rispetto a coloro che si sono fermate a un livello di istruzione più basso. L’aumento del numero dei novantenni pone un problema, in prospettiva, di adeguamento dei trattamenti di cura che dovranno essere offerti ai pazienti più anziani colpiti da mancanze mnemoniche. Un recente rapporto del King’s Fund indica come nei prossimi due decenni l’incidenza della demenza senile crescerà rapidamente in Gran Bretagna. I costi totali per le cure si prevede raggiungano i 35 miliardi di sterline per anno se il numero di malati dovesse approssimarsi al milione.

fonte salute24-il sole 24ore


  • -

Il caffè come le sigarette, In Usa proposta un’etichetta per rischio cancro

Tags : 

Azione legale contro catene per esposizione sostanza carcinogena

 Il caffe’ come le sigarette, un’etichetta deve indicare il rischio di cancro. E’ quanto viene richiesto tramite un’azione legale in California contro le principali catene di caffe’, tra cui Starbucks e 7-Eleven.
Secondo, infatti, l’associazione non profit ‘The Council for Education and Research on Toxics’, c’e’ un potenziale di rischio a causa dell’esposizione di una sostanza chimica, l’acrilammide, che viene generata durante la torrefazione ad alte temperature.
L’acrilammide e’ potenzialmente una sostanza carcinogena. Il National Cancer Institute (Nci) elenca il caffe’ come una delle maggiori fonti di acrilammide, cosi come lo sono anche le patatine fritte, i salatini, i biscotti, i cracker e diversi altri prodotti. La stessa Nci raccomanda di diminuire il tempo di cottura per ridurre il contenuto di acrilamminde nel cibo. Tuttavia, in termini di malattia, numerosi studi non sono stati in grado di provare che l’esposizione nel cibo all’acrilammide porti con se’ il rischio di cancro.

fonte RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Traduci »